Gli attacchi dello Stato Islamico continuano nel nord del Mozambico

Immagine

Venerdì 5 agosto 2022
Oltre 600 ostaggi sono stati liberati dal contingente militare ruandese insieme alle loro controparti mozambicane e alle forze della Comunità per lo sviluppo dell'Africa australe (SADC) nella provincia di Cabo Delgado, nel nord del Mozambico. [Nella foto: Un villaggio in Mozambico. Credit: Foto di cortesia. Fides]

Secondo una dichiarazione rilasciata dalla Rwanda Defense Force il 2 agosto, la liberazione è la conseguenza delle operazioni offensive per distruggere le basi terroristiche nella foresta di Catupa, a nord-est del distretto di Macomia con sede nella provincia di Cabo Delgado. “I gruppi terroristici dello Stato Islamico in Mozambico (IS-MOZ) sono stati costretti a fuggire nelle località di Nkoe e Nguida dello stesso distretto poiché sono ancora rintracciati dalle forze congiunte”, afferma il comunicato.

Le formazioni ribelli però continuano a minacciare villaggi e i principali assi stradali della provincia. Il 1° agosto i terroristi hanno attaccato una colonna di veicoli provenienti dalla zona di Oasse, senza una scorta delle Forze di Difesa e Sicurezza (FDS) sul tratto tra Nova Zambézia e Vida Nova, provocando la morte di uno dei conducenti dei veicoli.

Nelle sette settimane dal 1° giugno al 21 luglio sono stati registrati 90 attacchi quasi due al giorno. Il numero di sfollati che sono fuggiti dalle loro case a causa della guerra è balzato a 946.508, con un aumento di 161.944 da febbraio. Di queste, 83.983 persone sono fuggite dagli attacchi nei distretti di Ancuabe e Chiure a giugno, mentre la guerra si estendeva a sud, portando a un peggioramento della situazione umanitaria nel sud di Cabo Delgado. Di questi secondo l'OIM (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni) 138.231 hanno potuto fare ritorno a casa.

La propaganda dello Stato Islamico in Mozambico insiste nel dare una dimensione religiosa del conflitto. Dopo l’assalto del 26 luglio al villaggio di Nangade, i terroristi lo hanno rivendicato affermando di “aver decapitato tre cristiani”.
[L.M. – Fides]