Martedì 8 febbraio 2022
Oggi si svolge la Giornata mondiale di preghiera e riflessione contro la tratta di persone sul tema “La forza della cura. Donne, economia e tratta di persone”. Nella giornata in cui si celebra la memoria liturgica di Santa Bakhita, simbolo universale dell’impegno della Chiesa contro la tratta, si svolgerà una maratona online di preghiera dalle 9.00 alle 17.00 (Cet). [Nella foto, Santa Bakhita dell’artista Timothy Schmaltz. (
SIR)]

La maratona prenderà il via dall’Oceania, l’Asia e il Medio Oriente, per poi passare in Africa, Europa, Sud America e concludersi con il Nord America. Sarà trasmessa in diretta streaming in cinque lingue (francese, inglese, italiano, portoghese, spagnolo) sul sito della giornata www.preghieracontrotratta.org Le testimonianze arriveranno da oltre 30 Paesi.

PROGRAMMA DELLA MARATONA

Saranno religiose e consacrati, ma anche sopravvissute, attivisti, volontari, economiste, imprenditrici. Anche quest’anno è atteso un messaggio di Papa Francesco, che ha introdotto nel 2015 la Giornata mondiale di preghiera e riflessione contro la tratta. Domenica 6 febbraio, l’appuntamento sarà all’Angelus del Papa in Piazza San Pietro, dove ci sarà anche la statua di Santa Bakhita dell’artista Timothy Schmaltz “Let the oppressed go free”.

L’opera d’arte è dedicata alle vittime della tratta e a tutte le donne, particolarmente alle suore impegnate per la loro liberazione. L’evento è coordinato da Talitha Kum, la rete internazionale anti-tratta di oltre 3000 suore, amici e partner in tutto il mondo, ed è promosso dalle Unioni internazionali delle superiore e dei superiori generali, in partenariato con la Sezione Migranti e rifugiati del Dicastero per il Servizio allo sviluppo umano integrale, Caritas internationalis, l’Unione mondiale delle organizzazioni femminili cattoliche, il Movimento dei Focolari, il Jesuit refugee service e tante altre organizzazioni in tutto il mondo.

“La pandemia ha aumentato il business della tratta, le condizioni di vulnerabilità per le persone più a rischio e le disuguaglianze tra uomini e donne – dichiara Suor Gabriella Bottani, coordinatrice della giornata –. Noi donne, dunque, dobbiamo assumere un ruolo da protagoniste per promuovere un sistema economico nuovo, fondato sulla forza della cura. Con questa Giornata rifletteremo insieme per approfondire le cause della tratta ed individuare possibili  cammini di liberazione. La violenza causata dallo sfruttamento può essere trasformata con gesti di cura e di solidarietà”. Secondo i dati Onu le bambine e le donne rappresentano il 72 per cento delle vittime di tratta. L’8 febbraio, tra le 13.30 e le 14.30, si invita a dedicare un tweet alla Giornata usando l’hashtag #PrayAgainstTrafficking. [P.C. - SIR]

Giornata di preghiera e riflessione contro la tratta
le iniziative nella diocesi di Roma

Santa Bakhita dell’artista Timothy Schmaltz

L’8 febbraio, memoria liturgica di santa Giuseppina Bakhita, ricorre la Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta. Quest’anno, per l’occasione, l’artista canadese Timothy Schmalz – autore di “Angels Unawares”, la scultura dedicata ai migranti installata a piazza San Pietro – ha realizzato un’opera sulla santa protettrice delle vittime di tratta che sarà presente domenica 6 febbraio all’Angelus di Papa Francesco e sarà poi affidata alla diocesi di Roma. La scultura rappresenta santa Bakhita che apre una botola e libera donne e uomini tenuti in schiavitù, e verrà collocata nella parrocchia di San Bernardo di Chiaravalle, nel quartiere di Centocelle. All’Angelus parteciperà il Coordinamento diocesano anti tratta, che raccoglie diverse realtà impegnate nel contrasto a questo fenomeno e nel sostegno a coloro che ne sono vittime: Caritas diocesana, Usmi, Comunità di Sant’Egidio, Associazione Papa Giovanni XXIII, Associazione Slaves No More, Fondazione Arché, Ali di Speranza, Gruppo Raab, oltre alle unità di strada che svolgono il loro servizio in diversi luoghi della città. “La forza della cura. Donne, economia, tratta di persone” è il tema della Giornata di quest’anno.

«La parrocchia è stata scelta perché si trova su viale Palmiro Togliatti, una strada dove si incontrano molte ragazze vittime di tratta, e dove operano anche le unità di strada – spiega il vescovo Benoni Ambarus, delegato diocesano per la Carità, per i Migranti, per la Pastorale dei rom e dei sinti –. L’Angelus di domenica darà in qualche modo il via a una serie di iniziative legate alla sensibilizzazione sul fenomeno della tratta. Per il 18 di marzo, il Coordinamento diocesano anti tratta sta organizzando una Via Crucis nella XVI prefettura, che si snoderà lungo il viale Palmiro Togliatti, per concludersi proprio a San Bernardo».

Ancora, il 7 febbraio alle ore 21 si terrà un momento di preghiera contro la tratta nella parrocchia di San Gabriele dell’Addolorata, nel cui territorio ha sede la Casa del Magnificat di suor Rita Giaretta, già fondatrice di Casa Rut a Caserta. Durante la veglia, che sarà presieduta dal parroco don Antonio Lauri e guidata dalla stessa religiosa, centrale sarà la testimonianza di Joy Ezechiel, sfuggita alla tratta, la cui storia è stata raccontata da Mariapia Bonante nel libro “Io sono Joy”. «Ci saranno anche dei gesti significativi – anticipa suor Rita Giaretta –: porteremo all’altare un’immagine di santa Bakhita, e sarà proprio Joy a portarla; inoltre delle immagini di mani, per indicare che solo con l’aiuto degli altri si può intraprendere un cammino di libertà; infine una luce verde accesa, emblema di solidarietà. Ci sarà anche un cesto con dei lumini e ciascuno dei presenti potrà prenderne uno, portarlo a casa e accenderlo la sera seguente, a simboleggiare l’impegno di tessere una rete per liberare l’umanità da questo flagello».

L’8 febbraio, inoltre, Talitha Kum, la rete internazionale di vita consacrata contro la tratta di persone, promuove come lo scorso anno una maratona di preghiera mondiale on line, alla quale partecipa anche la rete anti-tratta di Roma dell’Usmi. «Abbiamo preparato un video che sarà proiettato l’8 febbraio – anticipa la coordinatrice romana suor Maria Rosa Venturelli –, ed è stato realizzato in una casa famiglia di Avezzano dove ci sono alcune sorelle che aiutano le ragazze vittime di tratta. Quest’anno la Giornata è dedicata in particolare alle donne, anche se il fenomeno tratta ha diversi ambiti: c’è quello dello sfruttamento sessuale, dello sfruttamento lavorativo, dello sfruttamento dei minori anche per il commercio degli organi, e poi c’è il fenomeno delle bambine-spose. Tutti sono in continua evoluzione e cambiamento. Oggi, ad esempio, ci sono meno ragazze sulle strade di Roma ma di più negli appartamenti; ci sono più giovani donne provenienti dall’Europa dell’Est e meno dall’Africa, rispetto a qualche anno fa. Inoltre quelle che vogliono sfuggire alla prostituzione sono molto spesso madri, con uno o anche due bambini, e le case famiglia che si occupano di ospitare queste donne devono evolversi per sostenere le nuove sfide».
[Diocesi di Roma]